Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su

Investment strategy: per un pugno di dollari di deficit

Si chiude il processo di deleveraging negli Stati Uniti

  • Il processo di deleveraging negli Stati Uniti sembra vicino alla conclusione. Probabilmente un considerevole incremento del debito pubblico farà salire l’indebitamento complessivo, mentre ci aspettiamo che le famiglie tornino gradualmente a indebitarsi.

 

  • Nonostante il debito elevato, non prevediamo una vulnerabilità sistemica nel settore corporate che continuerà a essere sostenuto da un buon reddito e da tassi di interesse contenuti. Abbiamo identificato alcuni fattori di debolezza nei mercati del credito che dovrebbero creare qualche problema solo a livello locale.

 

  • La ripresa dell’indebitamento negli Stati Uniti probabilmente farà deteriorare i saldi con l’estero. Col passare del tempo l’aumento del debito con l’estero ostacolerà il dollaro.

 

Macro: l’economia americana difficilmente deluderà

  • Gli Stati Uniti hanno aumentato i dazi, e il rischio per la crescita potrebbe essere intorno a 0,5 punti percentuali. La politica USA appare ancora prevalentemente come una tattica nei negoziati, ma l’applicazione dei provvedimenti potrebbe essere più aggressiva del previsto. Temiamo infatti una politicizzazione delle decisioni.

 

  • Eppure l’attività negli Stati Uniti resta robusta: prevediamo una crescita del Pil del 2,9% nel 2018 mentre il rallentamento degli scambi commerciali ci porta a rivedere al ribasso, al 2,3%, le stime di crescita nell’Eurozona, sebbene i dati recenti confermino la nostra previsione di un rimbalzo sequenziale.

 

  • Diversi mercati emergenti risentiranno probabilmente del protezionismo statunitense. Procediamo dunque con circospezione nei confronti delle economie con fondamentali più deboli (p.es. Argentina, Turchia e Brasile) o una domanda deludente (p.es. India e Sud Africa).

 

Asset allocation: troppo presto per puntare al ribasso

  • Confermiamo le prospettive positive per il mercato azionario rispetto al reddito fisso e conserviamo un orientamento short duration.

 

  • I mercati emergenti hanno iniziato a stabilizzarsi dopo una correzione significativa dei prezzi e delle posizioni.

 

  • Gli spread periferici si sono ristretti mentre i mercati attendono la proposta della legge finanziaria in Italia per fine settembre.


Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *