Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su

Chaney: la Fed e i mercati, un divario sempre più grande

Il chair della Fed dopo un vero “tour de force” è riuscito a rimuovere la parola “pazienza” dal lessico della Fed, sottolineando che la strada per il rialzo dei tassi è ora libera, ma legandolo allo stesso tempo ai dati dell’economia reale.

Eric Chaney, Head of Research AXA IM e Chief Economist del Gruppo AXA

Si è quindi creato consenso in un altrimenti diviso FOMC – forse perché questo nuovo indirizzo di politica monetaria è sufficientemente vago da rendere tutti felici.

Mentre gli osservatori potrebbero avere diverse interpretazioni sul nuovo indirizzo della Fed, considerabile come “colomba”’ o “falco”, i mercati hanno preso posizione: temendo un innalzamento dei tassi imminente (sin da giugno), le posizioni corte sui governativi US sono state ridotte e il tasso a 10 anni US è sceso lievemente sotto 2,0% dal 2,1% del giorno precedente e 2,3% di un paio di settimane addietro.

Le aspettative del mercato estrapolate dalle posizioni attive sul cambio euro-dollaro mostrano un’attesa per meno di tre rialzi di 25 punti base ciascuno tra oggi e la fine del 2016, mentre i tassi privi di rischio estrapolati dalla curva dei rendimenti suggeriscono quattro aumenti. In contrasto, i membri del FOMC, sebbene abbiano abbassato il loro target per i livelli dei tassi, ipotizzano ancora sei rialzi prima della fine del 2016, se ci si fida della previsione di mediana che appare dai grafici.

Sulla base delle nostre previsioni di crescita (leggermente superiori alla mediana di quelle dei membri del FOMC) ed inflazione (inferiori), abbiamo rivisto leggermente i nostri scenari sui tassi, con un rialzo quest’anno (stimato a Settembre), tre nel 2016 e quattro nel 2017. E’ un ritmo leggermente più veloce di quanto avevamo ipotizzato in precedenza: prendiamo atto della determinazione del FOMC di partire, anche se né la data né, cosa più importante, là velocità della normalizzazione sono ancora chiare. Tutto considerato, e data la solidità della ripresa negli US – che sta rallentando attualmente a causa di alcuni fattori non economici, quali le condizioni metereologiche ed un comportamento cauto dei consumatori, riluttanti a spendere quanto risparmiato grazie al calo del prezzo del petrolio – pensiamo che vi sia il rischio di una innalzamento dei tassi leggermente più veloce: sebbene le nostre aspettative oggi sono per quattro rialzi nel 2015-2016, possiamo ammettere che cinque siano altrettanto possibili, anche se non farebbero una gran differenza. La Fed è ossessionata dal famoso ‘errore del 1937’, una contrazione fiscale e monetaria iniziata troppo presto nel periodo di recupero successivo alla grande depressione, che ha provocato una dolorosa ricaduta dell’economia US. Preferirà quindi eccedere in cautela, aspettando evidenza dell’impatto delle passate decisioni prima di procedere.

Di seguito la nostra nuova proiezione per i Fed funds, così come l’estrapolazione dei tassi a 5 e 10 anni.

Assumiamo implicitamente che la Fed continuerà a reinvestire i flussi dei Treasuries giunti a maturazione finchè i tassi saranno sufficientemente alti da offrire un cuscinetto nel caso qualcosa andasse storto all’annuncio del tapering dei re-investimenti. Come dice il detto, chi si scotta con l’acqua calda… per questo motivo, non ci aspettiamo che l’attuale depresso premio a scadenza sulle obbligazioni a scadenza lunga (da precedenti manovre della Fed) raggiunga rapidamente i livelli storici prima del 2018.

chaney.grafico

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *