Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su

Buchet, gestore AXA IM: gli effetti della discesa del petrolio e del rublo nei mercati emergenti

Damien Buchet, responsabile dei mercati obbligazionari emergenti per AXA IM, condivide le sue riflessioni sullo scenario degli investimenti e ci spiega perché il recente ampliamento dei differenziali su AXA WF Emerging Market Short Duration Bond si inscrive nella tendenza più generale evidenziata dai titoli High Yield dei Mercati Emergenti, con un impatto particolare sui titoli legati all’energia e alla Russia.

Buchet-Damien

Situazione macroeconomica e rischio di credito

Le revisioni al ribasso delle previsioni di crescita a livello globale da settembre (vedi le recenti pubblicazioni di FMI/BRI) hanno provocato uno spostamento dei rischi. Si è passati dal rischio duration (vale a dire, una minore probabilità di forti rialzi dei tassi americani), a rischi di credito/spread.

Il forte calo dei prezzi del petrolio, sebbene nel complesso più positivo che negativo per i Mercati Emergenti globali, ha causato una forte preoccupazione per i titoli legati all’energia, soprattutto con riguardo al segmento High Yield dei titoli energetici statunitensi, che si è tuttavia diffusa anche ai titoli legati ai Mercati Emergenti, colpiti in modo piuttosto indiscriminato.

I titoli legati alla Russia hanno risentito sia delle preoccupazioni relative al settore energetico che dei timori di difficoltà economiche legate alle sanzioni, che hanno colpito molti titoli di credito russi di qualità Investment Grade in misura, a nostro avviso, irragionevole (Lukoil 2020, titolo con rating BBB, è scambiato con un rendimento del 9%!)

mercati emergenti

Questioni tecniche

La ragione principale delle decisa sottoperformance dei segmenti di mercato citati sembra essere legata alla gran parte delle banche con le quali operiamo, che hanno avuto un anno difficile e, alla meglio, riusciranno a chiudere in pareggio.

Perciò, da settembre, la loro propensione al rischio, a intervenire acquistando o assorbendo anche piccoli flussi di vendite, è pressoché nulla. I flussi di vendite sono esigui e, a nostro avviso, non molto rilevanti (il che è un segno positivo), ma i problemi legati alla percezione di mercato e il persistere di piccoli flussi di vendite da parte di banche private e piccoli investitori privati sono sufficienti a far lievitare i prezzi.

Ci aspettiamo un ritorno generale della liquidità e della propensione a trattare valutazioni estreme (da parte di banche, hedge fund e, infine, investitori privati e istituzionali) a inizio gennaio, con l’anno nuovo.

AXA WF Emerging Markets Short Duration Bonds

AXA WF EM Short Duration Bond Fund negli ultimi tempi è stato penalizzato da questa situazione, essendo per sua natura più posizionato sul rischio di spread che sul rischio di duration. Tuttavia, ci riteniamo comunque soddisfatti della qualità creditizia delle nostre posizioni e siamo convinti che, per molti dei nostri titoli, ci troviamo di fronte a una reazione estrema guidata dal sentiment e da problemi di liquidità, ma non supportata da una seria analisi creditizia.

La nostra asset allocation complessiva in crediti liquidi e Investment Grade è ai massimi dall’avvio del fondo, al 50% del totale, mentre il peso dei crediti singola B è prossimo ai minimi storici, al 17% del fondo. Anche l’allocazione in titoli legati al settore energetico è prossima a livelli minimi, intorno al 12% del fondo, in un universo in cui circa il 30% del circolante è dominato da titoli legati all’energia.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *