Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su

AXA WF Framlington Italy – Il rafforzamento dell’euro

Nel mese di agosto, sui mercati finanziari c’è stato, in generale, un calo dell’appetito per il rischio, l’oro ha aumentato il suo valore, e i tassi a lungo sono calati in un contesto di tensioni politiche con la Corea del Nord.

Ma l’elemento più significativo è stato l’apprezzamento dell’euro sulle altre valute.

La forza della crescita dell’eurozona e le difficoltà incontrate dal Presidente Donald Trump nell’implementare le annunciate riforme hanno portato incertezza circa il ritmo al quale le banche centrali di Europa e Stati Uniti possono effettivamente cambiare le loro politiche monetarie di sostegno all’economia.

L’indice DJ Eurostoxx dividends reinvested ha perso lo 0,40%, soprattutto sotto il peso dei titoli finanziari penalizzati dal declino nei tassi a lungo termine.

Fondo_Italy_AXAIM_settembre

Mercato italiano movimentato da Fiat

Il FTSE Italia All Share è salito dello 0,79% principalmente grazie al settore delle utilities che ha beneficiato di alti rendimenti, ma anche di un’impennata nel titolo Fiat dopo rumours di un possibile interesse da parte di un gruppo auto cinese per Fiat Chrysler Automobiles o comunque per alcuni marchi del gruppo FCA.

In questo scenario, il nostro fondo ha perso lo 0,92% per la parte EUR A share. Il leggero calo è dovuto a un declino dei titoli bancari, penalizzati dal ribasso dei tassi a lungo, e allo stesso tempo al fatto di non avere beneficiato del rialzo delle utilities. Infatti, il fondo non è esposto ad Enel e mantiene una bassa esposizione a Fiat. Abbiamo quindi beneficiato dell’effetto Fiat, ma non come il mercato, rispetto al quale abbiamo guadagnato 20 punti base in meno. Inoltre, non abbiamo risentito dell’effetto positivo del rialzo delle utilities. Preferiamo non aumentare l’esposizione al titolo Fiat, che già abbiamo in portafoglio, sul quale riteniamo che ci siano ancora dei punti di domanda tali da non consentirci di avere un peso del 3-3,5%.

La nostra view non cambia perché i tassi saliranno

Dobbiamo forse riconoscere che la riduzione dei programmi di politica monetaria da parte delle banche centrali avverrà con un po’ di ritardo, ma questo non toglie la necessità del rialzo dei tassi, visto l’andamento positivo dell’economia mondiale. Quindi non riteniamo opportuno dover rivedere il nostro scenario economico e la nostra allocation perché i titoli bancari beneficeranno, a un certo punto, del rialzo dei tassi. E’ solo una questione di tempo. Inoltre, l’attuale ribasso non significa, al momento, un ritorno dello scenario deflazionistico.

Outlook

Nelle prossime settimane le dichiarazioni del presidente della BCE, Mario Draghi, saranno seguite con grande attenzione per capire quale sarà la probabile evoluzione dell’euro.

Se il cambio euro/dollaro resta al livello attuale, è probabile che provochi revisioni al ribasso delle stime di utili e che possa compromettere una ulteriore crescita sui mercati azionari. Ancora una volta, la nostra preferenza va alle società che sono in grado di offrire un reale potenziale di crescita del loro giro d’affari e dei margini, sola garanzia della capacità di generare risultati e dividendi nel lungo periodo

 

Scopri il fondo

 

Scarica il documento

 

Gilles-Guibout

Gilles Guibout

Head del Team di Investimento Equity Europa,
Framlington Equities

 

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *