Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su

AXA WF Framlington Italy – La Fed inizia riduzione QE

Il mese di ottobre ha segnato l’inizio della riduzione del piano di QE della Federal Reserve, momento atteso e quindi già scontato dai mercati. Il processo di “normalizzazione” e di graduale riduzione del bilancio della Fed è stato controbilanciato da dati macroeconomici migliori delle attese sulla crescita globale.

Dappertutto, nel mondo, la crescita si è dimostrata forte, superando le attese.

Poi abbiamo avuto le trimestrali societarie, che a seconda dei settori hanno dimostrato dinamiche diverse. Da un lato, i settori dell’industria alimentare e dei media hanno riportato risultati globalmente al di sotto delle attese, e dall’altro i settori industriale e tecnologico si sono rafforzati.
Nel complesso le trimestrali sono state buone grazie alla crescita globale, anche se sono apparsi i primi segni di un impatto del rafforzamento dell’euro sulle società che hanno un’esposizione internazionale.

Nuove regole BCE su Npl pesano sulle banche

Infine, altro elemento chiave di questo mese è stato il settore bancario, che ha sofferto ribassi dopo l’annuncio della Banca Centrale Europea di nuove regole sugli Npl (non-performing loans). Questa prospettiva ha pesato su tutto il comparto bancario, ma soprattutto su quello italiano che è particolarmente esposto agli Npl. Bisognerà capire se le nuove regole si applicheranno solo ai nuovi Npl, che è quello che pensiamo, o anche a quelli vecchi già nei bilanci delle banche. Se fosse cosi, potrebbero servire nuovi aumenti di capitale. Il mercato italiano ha risentito maggiormente di questo timore per le banche: il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,79% avanzando di meno rispetto all’eurozona, che è salita di oltre due punti percentuali.

Performance del fondo AXA WF Framlington Italy

Il nostro fondo ha guadagnato meno rispetto al Ftse Mib, avanzando dello 0,24%.
A pesare sulla performance sono stati da un lato i titoli bancari (Credito Valtellinese, Banca Popolare di Milano, BPER), e dall’altro l’assenza di esposizione ad Enel e STMicroelectronics. Enel, in particolare, ha beneficiato del crollo dello spread del decennale italiano sul mese dopo la riforma legislativa che rende poco probabile un governo populista.

Tuttavia, il nostro fondo ha guadagnato sulla scia dei buoni risultati di Finecobank e Cnh, a cui si è aggiunta la buona performance di DoBank, società specializzata nella gestione dei crediti non performanti, salita in Borsa dopo l’annuncio degli accordi per la gestione di Npl del Monte dei Paschi di Siena. Abbiamo anche approfittato della performance di Gima Tt, volata al suo esordio sul listino a inizio ottobre.
Le mid e small cap in cui investiamo hanno continuato a beneficare dei flussi trainati dai PIR.

Valutazioni ancora tirate

Nella misura in cui ci avviciniamo alla fine dell’anno, ci aspettiamo per novembre che i mercati continuino ad essere orientati al rialzo. Ma ancora una volta restiamo cauti circa la performance e le valutazioni, che sono un po’ tirate. Buone sorprese sono arrivate dall’Italia ancora una volta attraverso dati macro che mostrano che l’economia si sta veramente riprendendo, come dimostrato da una crescita superiore alle attese e da un mercato del lavoro in miglioramento.

Nonostante valutazioni che sono forse un po’ tirate e che ci spingono ad essere sempre molto selettivi, vale quindi ancora la pena investire nel mercato italiano. Conviene sempre favorire quelle società che offrono un reale potenziale di crescita del proprio giro d’affari e/o dei margini, sola garanzia della capacità di generare risultati e dividendi sul lungo periodo. I dati macro supportano la nostra view perché ci dicono che c’è ancora spazio per il miglioramento.

 

 

 

Scopri il fondo

 

Scarica il documento

 

Guarda il video del gestore del fondo PIR AXA WF Framlington Italy, Gilles Guibout

 

Gilles-Guibout

Gilles Guibout

Gestore del fondo
PIR AXA WF Framlington Italy

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *