Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su
Iggo_credito_Axa

Iggo: tassi o credito? Il credito vince sui tassi… per ora

Generare rendimenti stabili conservando il capitale, soprattutto nei mercati obbligazionari, è il Santo Graal della gestione degli investimenti. I fattori chiave dietro al rendimento sono il rischio di credito e di tasso d’interesse. Questi due rischi possono essere, e spesso lo sono, correlati negativamente. Un’asset allocation attiva, basata sulla comprensione del ciclo macroeconomico e del sentiment degli investitori, può quindi aiutare a regolare l’esposizione a tassi e credito nel corso del tempo.

Macro_Insight_outlook_dati_settimana_Axa

Macro Insight: outlook e dati per la settimana del 12 ottobre

Cosa è successo nei mercati

I mercati sono rimasti in modalità risk-on la scorsa settimana. Gli azionari hanno recuperato +3.9% globalmente, i migliori sono stati i periferici europei e gli EM. Le obbligazioni governative hanno perso -0.6% e -0.5% negli US e nell’Eurozona, mentre i titoli high yield hanno fatto un balzo in positivo di 2.7% e 1.4% rispettivamente.

2015-10-08-Accordo-TPP-Axa

Accordo transpacifico: una buona notizia per il Giappone e i Paesi ASEAN

L’accordo di libero scambio transpacifico (TPP) dovrebbe produrre qualche effetto positivo sulla crescita globale entro il 2020, in particolare per il Giappone (+0,5%) e i paesi ASEAN (+3,8%). In data 4 ottobre 2015, i ministri dei 12 paesi che aderiscono all’accordo di libero scambio transpacifico (TPP), ovvero Australia, Canada, Cile, Giappone, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore, Stati Uniti, Sultanato del Brunei e Vietnam, hanno annunciato la conclusione dei negoziati sul trattato.

Macro_Insight_outlook_dati_settimana_Axa

Macro Insight: outlook e dati per la settimana del 05 ottobre

Cosa è successo nei mercati

I mercati hanno chiuso la scorsa settimana in modalità risk-on a seguito della pubblicazione di dati deludenti sull’occupazione US, che hanno portato gli investitori ad ipotizzare una Fed ancora inattiva nel breve. Le obbligazioni dell’Eurozona hanno continuato ad avere performance superiori alle controparti US, ma quelle degli Stati Uniti rimangono migliori year-to-date.