Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su

Iggo: non preoccupiamoci per i tassi

A dicembre abbiamo assistito a un forte aumento della volatilità, seguito a gennaio dal rimbalzo del rischio. La Federal Reserve ha trovato un nuovo accordo coi mercati. I tassi restano invariati e la pazienza diventa una virtù fondamentale per la politica monetaria. Non è chiaro se i tassi abbiano già raggiunto i valori massimi (secondo la maggior parte degli economisti i tassi neutrali sono leggermente superiori ai livelli attuali), ma possiamo dire che li hanno raggiunti per il momento.

Il settimanale di Tentori

Mercati in ripresa dopo la forte correzione di dicembre, dettata più dal sentiment che dai fondamentali. A nostro avviso, il rallentamento congiunturale del 2019 è largamente previsto. Però, una ulteriore decelerazione potrebbe evocare lo spettro di una recessione.

Scopri l’analisi di Alessandro Tentori, CIO di AXA IM Italia.

AXA WF Global Optimal Income: un approccio flessibile per gestire al meglio la volatilità del mercato

Cosa succede?

  • Il 2018 si è chiuso lasciando agli investitori un senso di frustrazione.
  • Malgrado un contesto economico relativamente positivo e di crescita che ha portato benefici in molte regioni del mondo, quasi tutti i mercati hanno registrato performance negative.
  • Le questioni geopolitiche, dalla guerra commerciale USA-Cina ai problemi dell’eurozona con Brexit e le elezioni italiane, hanno prevalso nel corso dell’anno.

Iggo: buone vacanze

Non è stato un buon anno per gli investitori. Sia i mercati azionari che quelli obbligazionari hanno realizzato rendimenti negativi. L’ottimismo per la crescita globale a fine anno si è trasformato in preoccupazione per la fine del ciclo economico. Il tanto atteso rialzo dei rendimenti obbligazionari non è durato a lungo, e solo quello dei Treasury è salito brevemente oltre il 3%. Se qualcuno aveva dubitato di trovarsi in un contesto caratterizzato da bassi tassi di interesse a lungo termine, da un forte indebitamento, dallo spettro della deflazione, allora il 2018 dovrebbe aver spazzato via questi dubbi.