Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su

iggo, tre strade verso il rendimento

Iggo: tre strade che portano a rendimenti più alti

Affinché tornino ad apparire interessanti agli occhi degli investitori, le obbligazioni devono presentare valutazioni migliori e una maggiore differenziazione dei premi per il rischio. Con rendimenti vicino ai minimi storici, siamo tutti consapevoli che prima o poi si profila il rischio di perdita nel reddito fisso.

City of London. un anno dopo, commento Iggo

Iggo: un anno dopo

Il Regno Unito è nel caos, ma vi sarebbe andata bene se aveste investito in strumenti finanziari britannici dopo quell’epocale venerdì mattina di un anno fa. È difficile non essere pessimisti in merito alla politica e all’economia del Paese, tuttavia le prospettive positive su scala globale potrebbero far salire ancora gli investimenti in sterlina.

Iggo: il perché e il percome dell’inflazione

Dopo la crisi finanziaria, la politica monetaria ha cercato di evitare la deflazione. L’obiettivo era riportare l’inflazione sul livello target del 2%. Durante lo scorso anno, con l’accelerazione della crescita economica, la fiducia nel raggiungimento di tale obiettivo è aumentata.

La Federal Reserve ha cominciato a normalizzare i tassi d’interesse negli Stati Uniti, nella convinzione che l’inflazione stia risalendo e resti entro il target. La Banca Centrale Europea (BCE) aspetta il momento giusto, che non è ancora arrivato, per fare altrettanto.

Iggo: confusione

I rendimenti dei Gilt potrebbero salire se il nuovo governo UK decidesse di fare un passo indietro sull’austerity. Le elezioni (e i referendum) in Gran Bretagna ultimamente non sembrano andare per il verso giusto.

Il referendum sull’appartenenza all’Unione Europea (UE) dell’anno scorso e le elezioni parlamentari del 2017 non hanno prodotto il risultato sperato per le due figure politiche che hanno indetto il voto.

iggo_look_back_anger

Iggo: don’t look back in anger

Se dicessi che questa settimana non ho fatto altro che pensare ai mercati finanziari, sarebbe una bugia. E sembra che la maggior parte degli operatori del mercato abbia mostrato disinteresse, proprio come me.

È un bene. Di tanto in tanto è importante godersi la primavera e riconoscere quanto siamo fortunati.

Iggo: noioso, caro, affidabile

I rendimenti obbligazionari non sono saliti come previsto. In un’ottica di lungo termine non è difficile capire perché. Per ottenere i rendimenti obbligazionari che secondo molti esperti dovremmo avere, occorre che la crescita nominale globale inverta la tendenza di lungo periodo e acceleri in misura significativa.

Il Quantitative Easing non ha ottenuto i risultati sperati.