Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su

iggo_inflazione_ripartire

Iggo: inaspriranno non appena possibile, ma prima deve ripartire l’inflazione

Nonostante la linea dura prevalsa all’inizio dell’estate, sembra che le banche centrali non siano pronte a dichiarare vittoria nella lotta per riportare l’inflazione ai livelli target. Forse è solo questione di tempo – la curva di Phillips evidenzierà infine un aumento dei salari dopo che il tasso di disoccupazione sarà ulteriormente sceso ma, per il momento, le autorità monetarie non intervengono, in attesa che l’inflazione riprenda la sua ascesa.

iggo, tre strade verso il rendimento

Iggo: tre strade che portano a rendimenti più alti

Affinché tornino ad apparire interessanti agli occhi degli investitori, le obbligazioni devono presentare valutazioni migliori e una maggiore differenziazione dei premi per il rischio. Con rendimenti vicino ai minimi storici, siamo tutti consapevoli che prima o poi si profila il rischio di perdita nel reddito fisso.

City of London. un anno dopo, commento Iggo

Iggo: un anno dopo

Il Regno Unito è nel caos, ma vi sarebbe andata bene se aveste investito in strumenti finanziari britannici dopo quell’epocale venerdì mattina di un anno fa. È difficile non essere pessimisti in merito alla politica e all’economia del Paese, tuttavia le prospettive positive su scala globale potrebbero far salire ancora gli investimenti in sterlina.

Iggo: il perché e il percome dell’inflazione

Dopo la crisi finanziaria, la politica monetaria ha cercato di evitare la deflazione. L’obiettivo era riportare l’inflazione sul livello target del 2%. Durante lo scorso anno, con l’accelerazione della crescita economica, la fiducia nel raggiungimento di tale obiettivo è aumentata.

La Federal Reserve ha cominciato a normalizzare i tassi d’interesse negli Stati Uniti, nella convinzione che l’inflazione stia risalendo e resti entro il target. La Banca Centrale Europea (BCE) aspetta il momento giusto, che non è ancora arrivato, per fare altrettanto.

Iggo: confusione

I rendimenti dei Gilt potrebbero salire se il nuovo governo UK decidesse di fare un passo indietro sull’austerity. Le elezioni (e i referendum) in Gran Bretagna ultimamente non sembrano andare per il verso giusto.

Il referendum sull’appartenenza all’Unione Europea (UE) dell’anno scorso e le elezioni parlamentari del 2017 non hanno prodotto il risultato sperato per le due figure politiche che hanno indetto il voto.