Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su

Iggo: il regno della tragedia

Come nella politica, anche negli investimenti dovrebbe esserci una linea rossa, un limite da non oltrepassare. La conservazione del capitale, un livello minimo di liquidità per poter accedere a tale capitale e rendimenti superiori all’inflazione: sono le prime cose che normalmente ci vengono in mente. Ultimamente, il rendimento è stato la parte più difficile.

Iggo: il primo amore non si scorda mai

Il rendimento dei Treasury è salito molto questa settimana. Questo andamento dovrebbe renderci più rialzisti sul mercato obbligazionario. Dopo tutto, oggi, chi ha reddito fisso in portafoglio riceve un rendimento più alto rispetto agli ultimi anni. Inoltre, gli yield più elevati proteggono il portafoglio dalla volatilità dei prezzi, molto più di quanto non facessero quando erano contenuti dagli acquisti delle banche centrali globali.

Iggo: decenni

Questa settimana la Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse al 2,25%. Rispetto ad altri mercati consolidati, i tassi del mercato monetario statunitense sono sui livelli massimi da molti anni, in alcuni casi persino da decenni. Questo ci dice che il processo di reflazione dell’economia USA dalla recessione successiva alla crisi finanziaria è stato più efficace.

Iggo: boom e crisi

Nel ciclo economico in corso, l’inflazione è stata contenuta nonostante l’abbondante immissione di liquidità da parte delle banche centrali. Ma forse alcuni dei classici fattori che hanno mantenuto l’inflazione bassa, ovvero disoccupazione, capacità inutilizzata, mancanza di potere di determinazione dei prezzi e salariale da parte delle imprese, non fanno più da freno.

Iggo: la pazienza è la virtù dei forti

Gli investitori temono che la volatilità aumenti, mettendo fine alla fase rialzista del mercato. Si tratta di un evento già accaduto nel reddito fisso, che però ha creato frustrazione poiché non ha provocato un repricing significativo. Nella maggior parte dei settori yield e spread sono ancora molto bassi, mentre in quelli che hanno registrato un sell-off non è chiaro se ci troviamo nel momento “opportuno” per acquistare.

Iggo: ribassi e sconvolgimenti

Comprare al ribasso si è rivelata, nel tempo, una strategia vincente nel reddito fisso. Le fasi ribassiste nei mercati obbligazionari non durano molto a lungo poiché gli investitori vengono presto remunerati da un carry più alto. La vera sfida consiste nel prevedere dove si manifesteranno i ribassi e acquistare nel momento giusto. Sbagliando, si rischia l’insolvenza nonché la perdita del proprio capitale.