Informazione Importante

Benvenuto/a nel Financial Lab di AXA Investment Managers

Un blog dedicato a promotori finanziari, consulenti finanziari autonomi e a private banker, dove trovare i nostri market insights, l’asset allocation del nostro team di Ricerca e Strategia di Investimento, le view dei nostri gestori, e molto altro.

Per una sintesi della settimana, iscriviti alla nostra newsletter!

Disclaimer
IL CONTENUTO DI QUESTO SITO NON COSTITUISCE OFFERTA, RACCOMANDAZIONE NÉ SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O ALLA VENDITA DI SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI MA HA FINALITÀ UNICAMENTE INFORMATIVA. L’ACCESSO A QUESTO BLOG, È RISERVATO ESCLUSIVAMENTE A INTERMEDIARI, CONSULENTI FINANZIARI AUTONOMI E INVESTITORI PROFESSIONALI.
Cliccando su “Accetto”, l’utente dichiara di rivestire una delle predette qualifiche, come definite e disciplinate dalla normativa tempo per tempo vigente.
Prima dell’adesione, l’investitore deve prendere visione del Prospetto e del KIID, disponibili sul sito www.axa-im.it.

 

Il sito contiene informazioni non appropriate per i clienti al dettaglio, in quanto potrebbero non consentire un’adeguata comprensione di tutti i profili connessi all’investimento.
E’ responsabilità del soggetto che accede alla presente sito verificare la propria qualità di intermediario, consulente finanziario autonomo o di cliente professionale. AXA Investment Managers non potrà essere ritenuta responsabile per accessi al presente sito da parte di soggetti diversi dalle categorie sopra indicate.
L’accesso al sito è considerato, da AXA Investment Managers, un atto consapevole, spontaneo e autonomo.
Alla prossima visita del presente sito, non apparirà più questa pagina. Tale funzionalità richiede l’utilizzo di cookies.

****
Informazioni importanti relativamente ai cookies:
Questo sito web utilizza cookies per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il sito. E’ possibile abilitare o disabilitare i cookies modificando le impostazioni del proprio browser. E’ possibile scoprire come effettuare tale modifica e trovare altre informazioni sui cookies nella sezione avvertenze legali.

Torna su

AXA WF Framlington Italy: meno tensioni ad aprile

Ad aprile si sono improvvisamente allentate le tensioni geopolitiche sulla Corea del Nord e quelle sui dazi accumulatesi nel corso di varie settimane. Cosi gli investitori hanno messo da parte – almeno per ora – le preoccupazioni sugli impatti negativi che tali tensioni potrebbero avere sulla crescita mondiale.

AXA WF Framlington Digital Economy: esposizione a crescita e innovazione

L’economia digitale è qui, oggi. Ogni giorno tutti noi in un modo o nell’altro sperimentiamo questa rivoluzione. Pensiamo all’e-commerce e all’esperienza che facciamo quando acquistiamo qualcosa via Amazon oppure prenotiamo un hotel per le nostre vacanze via Booking.com.

L’economia digitale ha cambiato il modo in cui le aziende trovano e trattengono i loro clienti, ma anche come i clienti trovano quello che vogliono e scelgono da chi comprare.

AXA WF Framlington Italy: un marzo all’insegna dell’avversione al rischio

L’incertezza legata alle dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sui dazi alle importazioni e ai timori su alcuni titoli tecnologici americani si è tradotta in avversione al rischio nel mese di marzo. Gli investitori temono che il protezionismo di Trump possa avere un impatto negativo sulla crescita mondiale. Un freno alla crescita potrebbe inoltre arrivare da alcuni titoli tecnologici che finora erano stati trainanti.

Due domande a Guibout – 6a Puntata

In questo episodio, il gestore Gilles Guibout risponde alle domande di Guido, un cliente che da anni investe nel fondo AXA WF Framlington Italy, su come hanno reagito i mercati alle lunghe manovre per formare un governo dopo le elezioni.

Scopri il sesto episodio.

AXA WF Framlington Digital Economy: investiamo nella rivoluzione dell’economia digitale

Le abitudini dei consumatori stanno cambiando. Non soltanto continua a cambiare come spendiamo il nostro denaro, ma anche su cosa lo spendiamo.

Il Cyber Monday, ossia il primo lunedì che segue il Black Friday, giorno in cui scattano gli sconti nei negozi degli Stati Uniti e del resto del mondo, lo scorso novembre è stato la prova lampante di come i consumi stiano cambiando.